A “scuola” di salto con l’asta: una nuova idea di raduno tecnico

Per molti apparirà un raduno come gli altri. Per me e il mio amico e collega Alberto Motta, con il quale ho condiviso anni di allenamenti su quella pedana, è un sogno che si è avverato. Mettere in piedi un raduno tecnico, con annessi e connessi di vitto, alloggio, organizzazione e viaggi, non è tra le cose più semplici. Ce l’abbiamo fatta, e dal 6 al 10 luglio 2014 al campo scuola “Bruno Zauli” di Grosseto ci siamo radunati in una dozzina. Ed è decisamente difficile, ma altrettanto invitante, quando decidi di provare a fare una vera “scuola”, dove la parte didattica e analitica prende completamente il posto di quella valutativa. Una scuola nella quale non esistono insegnanti dietro la cattedra, ma persone che scambiano e condividono pareri, idee tecniche e programmatiche, e che poi tornano a casa con nuovi spunti, qualche dubbio ed altrettante certezze. Dove, lavorando con i giovani (dai 15 ai 19 anni), si cerca di insegnare il miglior salto con l’asta possibile, con la consapevolezza che se non si salta bene, prima o poi non si migliora. Un’idea in controtendenza dall’atletica attuale, dove si cerca il risultato di primo piano sin da giovani, tralasciando la costruzione tecnica globale e la multilateralità, ed in cui tanto giovani fortissimi non riescono a confermarsi nelle categorie assolute.

Al centro, dunque, la tecnica. Costruita attraverso semplici esercitazioni in pedana ed attraverso esercizi analitici con l’asta e con gli attrezzi della ginnastica. Lavorando per semplici obiettivi e tralasciando in questo caso le capacità condizionali per concentrarsi 4 giorni su un lavoro altamente specifico. Semplice, ma non banale: perché la differenza tra questi due termini sta nella sua applicazione. Con l’obiettivo, come detto, di cercare una nuova via, e appunto creare qualche dubbio alle troppe certezze. Di seguito il programma svolto al raduno.

LUNEDI MATTINA
Riscaldamento libero + stretching
-Tecnica asta come d’abitudine
Obiettivo: saltare liberamente, controllo stato della tecnica
Asta rigida: 4-6 passi
Asta flessa: 8-10 passi

LUNEDI POMERIGGIO
Visione filmati salti della mattina
-Tecnica analitica controllo corsa e presentazione, 2 gruppi
Obiettivo: controllo corsa, controllo trasporto asta, didattica presentazione
Gruppo 1:
skip con asta alta
skip fino asta orizzontale
skip fino asta orizzontale + presentazione
skip fino presentazione
stacchi liberi 6/10/14 passi
Gruppo 2:
Imitativi ultimi due passi
2 passi asta rigida con partenza asta alta (braccio destro teso)
2 passi asta rigida con partenza asta altezza fronte
2 passi asta rigida con partenza asta normale
2 passi asta rigida salti completi con elastico

MARTEDI MATTINA
-Tecnica asta rigida
Obiettivo: conduzione mano destra in presentazione, tempo della presentazione, controllo corpo nel salto ad asta rigida
Progressione 2/4/6 passi
Infilate 6 passi

Salti completi asta rigida 8 passi

MARTEDI POMERIGGIO
-Tecnica analitica attraverso attrezzi ginnastica
Obiettivo: controllo posizione corpo, tempi e posizioni di enrata/contromovimento/infilata
Anelli:
controllo posizione statica entrata
entrata con piccolo stacco + infilata
oscillazioni
oscillazioni + infilata
esercizi di controllo posizione corpo e spalle
Fune:
controllo posizione entrata statica
entrata con piccolo stacco + infilata
rincorsa 2 passi + entrata e infilata
Sbarra:
Controllo posizione entrata statica
Piccole oscillazioni con controllo posizione corpo
Oscillazioni + infilata

MERCOLEDI MATTINA
-Tecnica asta flessa
Obiettivo: controllo del salto completo in generale con particolare riferimento alla presentazione e al caricamento dell’asta
6 passi asta rigida come prosecuzione riscaldamento
8 passi con controllo presentazione
8 passi salto completo con elastico alto per toccare o normale

MERCOLEDI POMERIGGIO
Visione salti mattina con comparazione salti lunedi
-Esercizi analitici e di controllo posizone corpo
Obiettivo: controllo statico/dinamico posizione corpo nelle varie parti del salto, con particolare riferimento al caricamento/infilata
Corpo libero:
Progressione a terra tenuta corpo
Verticale con controllo posizione
Verticale + caduta di schiena
Verticale + ½ giro e caduta di pancia
Sbarra:
Piccole oscillazioni con controllo posizione + uscita avvitamento 360°

GIOVEDI MATTINA
Tecnica asta
Obiettivo: sintesi e raccordo tra le varie sedute; controllo globale delle varie fasi del salto
6 passi asta rigida
6 passi asta rigida infilate
8 passi entrate asta flessa
10 passi salti completi asta flessa

 

(1344)

4 Responses to A “scuola” di salto con l’asta: una nuova idea di raduno tecnico

  1. Stefano Faccini ha detto:

    Ciao!

    Questo raduno lo ripeti anche nel 2015?

    Saluti Stefano

  2. […] scritto da Luca Cassai sul Corriere di Maremma, che fa riferimento al raduno tecnico “libero” di salto con l’asta svolto nei giorni scorsi a […]

Rispondi

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: